LA NUOVA FIORENTINA DI GATTUSO
Rubriche

LA NUOVA FIORENTINA DI GATTUSO 21/22

In questo articolo andremo ad analizzare quella che potrebbe essere la nuova Fiorentina di Gattuso.

Dopo una salvezza conquistata nelle ultime giornate, la Fiorentina del Presidente Rocco Commisso, si appresta ad un cambio rotta. A partire dalla scelta di non proseguire l’avventura con Beppe Iachini, ma chiamando a Firenze un ex campione del mondo, nonché uno dei migliori allenatori italiani in circolazione: Rino Gattuso

Saranno tanti i temi da affrontare durante le prossime settimane. A partire dalla situazione rinnovi, passando per alcune cessioni inevitabili e qualche veterano da rispolverare. Ma andiamo con ordine:

PORTA

Tra i pali al momento la situazione è incerta, perchè se in inverno sembrava fatta per il rinnovo di Dragowski, oltre che del secondo, Terracciano, per il polacco si è voluto aspettare la fine della stagione. E dato che al momento sembra essere uno dei pochi giocatori con i quali la Fiorentina potrebbe monetizzare, vedremo nelle prossime settimane cosa deciderà Gattuso. Ecco che allora, in pole per sostituire il classe ’97, sarebbero due i profili, molto diversi tra loro, ma accumunati dall’abilità con i piedi: si tratta di Cragno e di Consigli.

DIFESA

Tanti i partenti, da Milenkovic al capitano German Pezzella, passando per Caceres. Quei pochi certi di rimanere sono: Igor, che ben si è distinto nell’ultima parte di stagione, nonostante un piccolo infortunio. Martinez Quarta, alla prima esperienza in Europa e Lorenzo Venuti, che molti a Firenze lo vorrebbero titolare e capitano, per l’attaccamento alla maglia dimostrata. Un centrale dei primi due citati partirà sicuramente. Vedremo se si tratterà di rivoluzione totale, anche perchè tornerà dal prestito anche Luca Ranieri, che con Montella si era ritagliato un posto in prima squadra. Un nome che piace a Gattuso per la difesa è Mario Rui, in scadenza con il Napoli e che si trasferirebbe volentieri in Toscana.

CENTROCAMPO

La linea mediana sarà l’unica probabilmente ad essere appena ritoccata, con un ingaggio importante in cabina di regia. Si sono fatti tanti nomi, da Torreira a Sensi e Jorginho. Gli altri 3 centrocampisti però, non si toccano: parliamo di Castrovilli, che Gattuso potrebbe far avanzare, addossandogli un ruolo simile a quello ricoperto da Zielisnki a Napoli. Jack Bonaventura, che ritrova il mr. calabrese dopo l’esperienza al Milan e con il quale detiene il record di gol segnati. Amrabat, pagato probabilmente troppo l’estate scorsa, per poterlo cedere. Mancano poi sicuramente delle riserve, che quest’anno hanno fatto sentire la mancanza.

ATTACCO

In attacco al momento l’unica certezza sembra essere Vlahovic. Proprio in questi giorni ha dichiarato di voler restare e parlare con Gattuso il prima possibile. Difficile infatti che parta già questa stagione, anche se il rinnovo ancora in ballo preoccupa e non poco. Anche in questo caso, il neo – tecnico gigliato ha già espresso diverse richieste per il reparto offensivo: un nome su tutti è quello di Matteo Politano, appena riscattato però dai partenopei e che dovrebbe rinunciare a giocare l’Europa League a vantaggio però di un posto da titolare. Rientra dal prestito anche Riccardo Sottil che bene aveva impressionato ad inizio stagione. Purtroppo poi ha pagato l’inesperienza di giocare ad alti livelli ed è stato accantonato dalla squadra sarda. Da valutare anche Kokorin che non si è sostanzialmente mai visto in campo da gennaio ad oggi, ma che ha ancora 3 anni di contratto.

PROBABILE FORMAZIONE

Volendo abbozzare un probabile 11 titolare della Fiorentina che verrà, schiereremmo la squadra con un 4-2-3-1: Dragowski (Cragno) ; Venuti, Quarta, Igor, Biraghi; Pulgar (Torreira), Amrabat; Bonaventura, Castrovilli, Kouamè (Politano); Vlahovic.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!