Cagliari, paese dei balocchi per il fantacalcio
Consigli Consigliati Rubriche

Cagliari & Maran – Fuoco di paglia o possibile rivelazione?

Un’altra roboante prestazione ieri contro la Fiorentina per il Cagliari, capace di chiudere con un netto 5-2 l’incontro. Quali possono essere le reali ambizioni della società sarda? È possibile ci si trovi di fronte all’esplosione di un’altra realtà provinciale come quella dell’Atalanta?

Dopo aver disputato quasi un terzo del campionato e alle porte di una nuova sosta per le partite della Nazionale, possiamo snocciolare già i primi bilanci di questa prima parte di stagione del Cagliari.

I NUMERI:

I sardi occupano attualmente il terzo posto, in coabitazione con la Lazio, sono giunti al decimo risultato utile e hanno affrontato una buona parte delle squadre di vertice. 23 gol fatti e 12 subiti, una differenza reti pari a quella Juventus capolista e ben dieci uomini mandati in rete. Una distribuzione numerica molto ben equilibrata su più giocatori e non così dipendente da un solo uomo quindi.

Una chiave importante di questo Cagliari forse risiede proprio nell’aver dovuto fare di necessità virtù. Alla prima giornata perde un attaccante capace da solo di segnare 16 marcature nello scorso campionato, simbolo e trascinatore dei rossoblù. Nelle prime due giornate di campionato il Cagliari aveva raccolto due sconfitte, forse risentendo ancora dell’assenza del suo uomo di punta. Da qui il bisogno per mister Maran di escogitare un nuovo sistema di gioco, non più finalizzato al colpo di testa letale del suo ariete ma palla bassa a sfruttare i muscoli e al tempo stesso il fosforo dei suoi uomini migliori.

I GIOCATORI:

È indicativo come Joao Pedro, attualmente bomber della squadra con 6 centri, sia quasi giunto a eguagliare il suo record personale (manca una sola rete), e di come Simeone abbia a sua volta alla portata il raggiungimento della cifra raccolta nella scorsa incolore annata a Firenze.

Intorno a loro si esaltano il redivivo Nainggolan, forse dato troppo presto per finito da qualche detrattore, che solo ieri è riuscito a togliersi la soddisfazione della rete personale e di aver mandato in porta ben tre volte i propri compagni. Ma non è l’unico giocatore a far parlare di sé da quelle parti: Rog e Nandez rappresentano giovani speranze e concrete realtà. Inoltre anche dalle retrovie giungono buone notizie: in tal caso chiedere di Pisacane, in rete ieri, Ceppitelli ed Olsen.

L’ORGANIZZAZIONE SU OGNI TERRENO DI GIOCO

I risultati più eclatanti a dimostrazione di ciò sono le vittorie esterne sui campi di Napoli e Atalanta, oltre la già citata goleada casalinga di ieri contro i Viola.

Siamo di fronte a una formazione guidata con attenzione e con alle spalle una società è un ambiente che pare finalmente trovato un equilibrio che non sempre da quelle parti è stato garantito. Non resta che rimanere a guardare dove il resto del campionato li porterà. Ajò!

Vuoi rimanere sempre aggiornato sul fantacalcio? Iscriviti alla nostra Newsletter e alla nostra pagina Instagram

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!