Consigli Consigliati

ANTONIO CONTE – PRESSING, CARISMA E 3-5-2

Nei giorni scorsi l’Inter ha reso noto il suo nuovo tecnico: Antonio Conte.
Allenatore facile da descrivere, basta una singola parola.
VINCENTE.

Pensi a lui ed immagini subito una squadra tosta, carismatica che enfatizza pressing e gioco sulle fasce.
Dall’addio alla compagine juventina dopo innumerevoli trofei, con una squadra molto meno competitiva di quella attuale, non ha fatto altro che confermarsi.
In primis con la Nazionale Italiana sfiorando la semifinale agli Europei avendo a disposizione un undici non eccelso. In un secondo momento col Chelsea in Inghilterra vincendo la Premier subito al primo anno, compito tutt’altro che semplice. Si è confermato senza mai cambiare principi di gioco e ruoli chiave, magari ha perfezionato sistemi di gioco alternativi.

Vediamo come ha plasmato le sue squadre negli anni passati.
BBC juventina con un Bonucci regista basso, centrocampo con due mediani che davano un ritmo incessante al pressing e due ali che aravano letteralmente la fascia. Come punte, invece, due giocatori complementari ed inclini al sacrificio per la squadra.
Al Chelsea ha mutato il 3-5-2 juventino in un camaleontico 3-4-1-2 senza variare però i cardini del suo gioco.
David Luiz regista basso, in mezzo al campo due mediani come Kantè e Matic che davano ritmo incessante al pressing. Sulle fasce giocatori dalla corsa eccezionale come ad esempio Victor Moses ed infine il genio di Hazard dietro le due punte.

Ora la domanda sorge spontanea: come cambierà l’Inter con l’arrivo di Conte?
Molto dipenderà dal materiale che gli metteranno a disposizione Steven Zhang, Ausilio & company, ma di base la squadra è già strutturata per potersi esprimere con un 3-5-2 / 3-4-1-2.
Saranno privilegiati i calciatori disciplinati, disposti al “sacrificio” e a non rendere difficile la vita nello spogliatoio con comportamenti fuori dagli schemi, dentro o fuori dal campo di gioco.
Se il mercato non dovesse regalare colpi eclatanti, quali giocatori dell’Inter si esalterebbero con Conte e quali potrebbero essere messi in difficoltà dal nuovo mister?
Per quanto riguarda la difesa, non vi sono criticità avendo difensori eccellenti come Skriniar, De Vrij e il nuovo acquisto Godin. Quest’anno con Spalletti è stata la seconda miglior difesa con 33 gol subiti: si cercherà di migliorare ancora di più questi numeri.
Sicuramente ne gioverebbero i centrocampisti centrali come Vecino e Brozovic, ma anche Gagliardini, visto le sue caratteristiche, potrebbe riprendersi con Conte. Da monitorare la situazione Nainggolan che potrebbe essere ceduto.
Si potrebbe esaltare Perisic nel binario di sinistra, avendo la possibilità di correre a tutta fascia, ma allo stesso tempo invece potrebbe penalizzare Politano (appena riscattato dal Sassuolo).
Per l’attacco, invece, la società dovrà sicuramente muoversi sul mercato per trovare attaccanti adatti al sistema del nuovo tecnico, ovvero una punta di movimento ed un finalzzatore. Con molta probabilità Icardi sarà ceduto, mentre Lautaro rimarrà senza dubbio e potrebbe fare il salto di qualità.

In chiave mercato sono diversi i nomi che si fanno, in particolare quelli di Barella, Dzeko, Lukaku e Lazaro.
Sarebbero colpi davvero importanti e funzionali al gioco dell’allenatore..staremo a vedere chi arriverà alla corte neroazzurra.
Detto ciò, non ci resta che aspettare, perché il calcio d’estate vive di ipotesi e sogni di mercato.
Possiamo già affermare che Antonio Conte è una certezza e l’Inter quest’anno può seriamente candidarsi come rivale della Juventus!

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!