Pagellone MDF Rubriche

IL PAGELLONE DI MDF – 22ª GIORNATA

Eccoci al nostro appuntamento settimanale col Pagellone di MDF, dove analizziamo il meglio e il peggio dell’ultima giornata.

VOTO 10 – A MAREK HAMSIK CHE SALUTA IL NOSTRO CAMPIONATO

Piccolo è doveroso tributo a un giocatore che ha trascinato tanti fantallenatori in questi anni. Ringraziamo Marek per quello che ha dato al calcio italiano, peccato solo che il San Paolo non ha potuto salutarlo nel migliore dei modi.

VOTO 9 – AL PARMA FORMATO TRASFERTA

Dopo le tante vittorie ottenute lontano dal Tardini, questa volta è la Juve che viene frenata su un pirotecnico 3-3 allo Stadium. Onore a una delle rivelazioni del campionato, che non muore mai, anche se però la Juve ci mette tutta de stessa per tenere aperta la partita.

VOTO 8 – AI 99 DI ROMA E MILAN

Donnarumma e Zaniolo, uno ritrovato e l’altro in rampa di lancio. Gigio para tutto quello che c’è da parare e tiene a galla un Milan, messo sotto dalla Roma. Si arrende solo al tap-in di Niccolò, che ancora una volta si dimostra cuore pulsante di questa Roma. Avanti così ragazzi!

VOTO 7 – ALL’IMPATTO DI SANABRIA SUL NOSTRO CAMPIONATO

Mentre Piatek anche a Milano continua a segnare, a Genova c’è chi ha raccolto la sua eredità, segnando come il polacco. Gli è bastata una manciata di minuti sia con Empoli e Sassuolo per sbloccarsi, se il buongiorno si vede dal mattino…

VOTO 6 – ALL’ESORDIO DI SINISA MIHAJLOVIC

Solo 6? Si, perché in questo campionato meglio non farsi illusioni. I demeriti dell’Inter sono tanti, ma il serbo restituisce un’identità delineata al suo Bologna, con un Soriano leader del centrocampo. La lotta salvezza è riaperta, ora bisogna dare continuità.

VOTO 5 – ALLA JUVE CHE SENZA CHIELLINI SI SCOPRE VULNERABILE

Campanello d’allarme che suona forte, perché 6 gol in due partite, la Juve non li subiva dal 2011. Ragani e Cacares falliscono l’esame Parma e aprono alla preoccupazione in vista Atletico. Urge recuperare almeno uno tra Chiellini e Bonucci, altrimenti si rischia grosso.

VOTO 4 – AL PRIMO TEMPO DELLA SAMPDORIA

Letteralmente sottomessa, senza aggressività e senza ritmo. Il Napoli fa quello che vuole, trovando il 2-0 in una manciata di secondi l’uno dall’altro. Nella ripresa c’è un minimo di reazione, Quagliarella ci prova, ma finisce tutto li.

VOTO 3 – AL SUICIDIO DEL CHIEVO

Già non capita spesso ai clivensi di segnare due reti, figuriamoci essere avanti 2-0. Purtroppo però i gialloblù dopo il doppio vantaggio, si abbassano, prestando il fianco a Caputo e compagni che la ribaltano, mettendosi sul 2-2 finale. Questa rimonta subita, ha il sapore della parola fine alla corsa salvezza.

VOTO 2 – ALLA DISTRIBUZIONE DELLE PARTITE

È insensato avere una giornata che inizia sabato alle 15.00 e vedere le ultime due partite di lunedì. Purtroppo ormai ci siamo ridotti a vedere orari pazzi per il nostro campionato, che giovano a tutti, meno che ai tifosi. In più per chi non lo sapesse, la prossima giornata inizia Giovedì sera.

VOTO 1 – ALLA SAGRA DEL MALUS IN SPAL-TORINO

Partita più fallosa del campionato, ammoniti ovunque e un’esplosione, quella di N’Koulou che ha anche rovinato la giornata a qualche fantallenatore. Purtroppo, più che un lunch-match é stato un pranzo indigesto.

VOTO 0 – ALLA PROFONDA CRISI DELL’INTER

0 gol segnati nel 2019 in campionato, due sconfitte e un pareggio ai quali va aggiunta anche l’eliminazione dalla Coppa. Numeri pesanti, anche perché il rispecchio dei numeri si vede in campo, con una squadra che non è mentalmente in campo, coi leader Icardi, Perisic e Nainggolan costantemente trai peggiori. Unici a salvare la faccia sono Brozovic e Skriniar, ma questo non può assolutamente bastare.

I VOTI UFFICIALI DEI POSTICIPI

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!